Eventi Sociali

Assemblea dei Soci SISEF e Rinnovo delle Cariche Sociali

(Mercoledì 13 Novembre 2019, ore 17:30-19:30 - Aula Magna Dip.to SAAF)

Assemblea dei Soci

L’assemblea annuale della Società è indetta in prima seduta alle ore 17:30 di Mercoledì 13 Novembre 2019 presso l’Aula magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali dell’Università di Palermo, Edificio 4, Ingresso A, v.le delle Scienze, I-90133 Palermo, ed in seconda seduta alle ore 17:45 ibidem (stesso giorno) con il seguente ordine del giorno:

  • Comunicazioni del Presidente e relazione sul mandato 2018/2019
  • Le prospettive per il futuro di SISEF
  • Elezione delle nuove cariche sociali per il biennio 2020/2021 (vedi sotto)
  • Varie ed eventuali

Ai lavori dell’Assemblea possono partecipare tutti i soci regolarmente iscritti per l’anno solare in corso. Si ricorda che tutti i congressisti regolarmente registrati sono soci SISEF (la quota di iscrizione alla Società è inclusa nella quota di registrazione al Congresso) e sono quindi invitati a partecipare ai lavori dell’Assemblea.

Rinnovo delle Cariche Sociali

Durante l’assemblea si svolgeranno le operazioni di voto per il rinnovo delle cariche sociali della SISEF. I presenti sono tenuti ad esprimere la loro preferenza (nome e cognome) per le seguenti cariche:

  • Presidente
  • Segretario
  • 5 Consiglieri
  • 3 Revisori dei Conti

Sono eleggibili alle suddette cariche tutti i soci regolarmente iscritti alla Società da almeno due anni (consecutivi). Sono esclusi i componenti del Consiglio Direttivo a fine mandato già in carica per due mandati consecutivi (vedi Statuto e Regolamento della Società).

Le operazioni di voto si svolgeranno sotto la direzione della Commissione Elettorate formata da tre membri appositamente nominati, che dovranno provvedere allo spoglio dei voti ed alla proclamazione degli eletti.

Cena Sociale

(Mercoledì 13 Novembre 2019, a partire dalle ore 20:30 - inclusa nella quota di registrazione)

La cena sociale si svolgerà presso Palazzo Fatta, un palazzo storico della città di Palermo la cui prima edificazione avvenne presumibilmente alla fine del XVI secolo. L’ingresso al palazzo è a Piazza Marina 19.

Vista di Palazzo Fatta da piazza Marina

Maggiori informazioni: https://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_Fatta

Dibattito - Foreste in Pericolo: Resistenza e Resilienza al Cambiamento Climatico

(Giovedì 14 Novembre 2019. ore 21:00 - Cre.Zi.Plus Cantieri Culturali alla Zisa, pad. 10 e 11, via Paolo Gili 4, Palermo - aperto al pubblico e gratuito)

L’umanità è in piena lotta per scongiurare una crisi climatica catastrofica. Ma oltre ad agire per ridurre le emissioni di gas serra, occorre iniziare a prepararci per gli impatti di quella parte di cambiamenti climatici che non riusciremo ad evitare.

Per le foreste questo significherà un aumento delle siccità, del pericolo di incendi boschivi, e della vulnerabiità agli eventi meteorologici estremi. Come fare a rendere le foreste resistenti alle conseguenze più pericolose del climate change? Come mantenerle in buona salute e in grado di fornirci i loro indispensabili benefici?

Proveremo a cercare le risposte insieme a sei scienzati forestali esperti in cambiamenti climatici. Insieme a loro capiremo quali sono le cause del problema e i suoi effetti sulle foreste; cosa aspettarci e come difenderci dagli incendi boschivi; e quali sono le strategie che già si stanno mettendo in atto per "prendere per mano" le foreste della Sicilia e del resto d’italia e accompagnarle nel loro periodo di maggior pericolo.

Conduce: Giorgio Vacchiano (Università di Milano)

Intervengono:

  • Daniele Spadaro (INAF - Osservatorio Astrofisico di Catania)
  • Danilo Mollicone (FAO, Roma)
  • Giorgio Matteucci (CNR-ISAFOM)
  • Donato Salvatore La Mela Veca (Università di Palermo)
  • Gianfranco Zanna (Legambiente Sicilia)
  • Bartolomeo Rizzo (Fridays for Future, Palermo)

Maggiori dettagli: https://facebook.com/events/3089247877757174/?ti=cl

Scarica la locandina dell’evento (PDF).

Escursione Congressuale al Parco delle Madonie (PA)

(Venerdì 15 Novembre 2019, ore 8:30-17:30 - solo su prenotazione al momento della registrazione, euro 50,00)

Abete dei Nebrodi (Foto: T. La Mantia)

Programma preliminare

Visiteremo la popolazione relitta di Abies nebrodensis ma anche altri aspetti peculiari delle Madonie e delle foreste siciliane tra cui alcune stazioni tra le più meridionali d’Europa di faggio e rovere. Gli accompagnatori saranno Rosario Schicchi e Tommaso La Mantia (UNIPA).

Informazioni Generali (da: Wikipedia)

Il Parco delle Madonie è un Parco naturale regionale previsto nel 1981 (dalla Legge regionale siciliana n.98) e istituito il 9 novembre del 1989; comprende quindici comuni della città metropolitana di Palermo in Sicilia (Caltavuturo, Castelbuono, Castellana Sicula, Cefalù, Collesano, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Scillato e Sclafani Bagni).

Comprende il massiccio montuoso delle Madonie, situato sulla costa settentrionale siciliana, tra il corso dei fiumi Imera e Pollina.

Il parco ospita oltre la metà delle specie vegetali siciliane, e in particolare gran parte di quelle presenti solo in Sicilia (come l’Abies nebrodensis in via di estinzione, nel Vallone Madonna degli Angeli).

Per la fauna sono presenti oltre la metà delle specie di uccelli, tutte le specie di mammiferi e più della metà delle specie di invertebrati siciliane.

Notevoli sono anche le peculiarità geologiche. La geologia delle Madonie è al centro di studi e ricerche avviatisi fin dagli anni sessanta. Proprio per l’interesse geologico del complesso montuoso madonita dal 2003 il Parco delle Madonie è entrato a far parte del network European Geopark a cui aderiscono più di venti parchi geologici e non, europei.

Il sito è stato inserito nella lista dei Geoparchi mondiali UNESCO il 17 novembre 2015, nel corso della 38ª Sessione Plenaria della Conferenza Generale dell’Unesco svoltasi a Parigi.

Maggiori dettagli: https://it.wikipedia.org/wiki/Parco_delle_Madonie

Figura seguente: Serra della Quacella, contigua al Vallone Madonna degli Angeli dove cresce l’abete dei Nebrodi, forse il luogo con il più alto numero di endemismi in Sicilia.

Serra della Quacella, Parco delle Madonie (Foto: T. La Mantia)

Follow me
@ SISEF


Per ricevere via e-mail tutte le informazioni sulle attività congressuali e precongressuali relative al XII Congresso Nazionale SISEF, iscriviti alla Newsletter del Congresso utilizzando il pulsante sottostante.

Patrocini

Sponsor

Partner

© 2018 SISEF - Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale

Informazioni legali (Legal notice)

Licenza Creative Commons

×
 

Navigazione

 
whatsApp